PESCARA, ANCHE I DETENUTI VOLONTARI PER LA XVII GIORNATA NAZIONALE DELL’UNITALSI

Grazie al progetto “oltre le barriere” affiancheranno i volontari dell’Associazione

Sabato 10 e domenica 11 marzo 2018, in occasione della XVII Giornata Nazionale UNITALSI , la sottosezione di Pescara, oltre che in alcune parrocchie del territorio provinciale, sarà presente a piazza Sacro Cuore con un gazebo informativo e numerosi volontari.

L’iniziativa, che ha come slogan “L’UNITALSI SCENDE IN PIAZZA”, assume un significato speciale perché l’Associazione festeggia i 115 anni dalla sua fondazione e ricorda il 160° anniversario delle apparizioni della Madonna a Lourdes.

Quest’anno per la prima volta “scenderanno in piazza” anche 7 detenuti del Carcere di San Donato di Pescara (4 nella giornata di sabato e 3 nella giornata di domenica) che aiuteranno nell’allestimento del gazebo e nello svolgimento della Giornata assieme ai tanti soci dell’Associazione”.

“Questi sette volontari, che definisco speciali, sono stati preparati ad accogliere i cittadini – spiega FEDERICA BUCCI, presidente della sottosezione UNITALSI di Pescara – che incontreremo nelle due giornate. La loro presenza rientra nell’ambito del nostro progetto “Oltre le barriere” iniziato con il Carcere di Pescara l’anno scorso, con la partecipazione di 9 detenuti che hanno prestato servizio al Pellegrinaggio Regionale al Santuario di Loreto nelle Marche. Una collaborazione che prosegue grazie sempre alla disponibilità del Direttore, Franco Pettinelli e di Suor Livia Ciaramella che segue i ragazzi nel loro percorso rieducativo”.

“Le due giornate – aggiunge BUCCI – saranno l’occasione per presentare la nostra associazione, ma anche e soprattutto per sensibilizzare i pescaresi attraverso la proposta della piantina d’ulivo, nostro simbolo di pace e fratellanza, facendo capire che grazie al loro piccolo gesto d’amore possono rendere possibile la realizzazione dei tanti progetti associativi – in particolare i pellegrinaggi – a favore dei più fragili, dei malati e delle persone con disabilità”.

“Sono certa – conclude BUCCI – che anche quest’anno il grande cuore solidale e misericordioso dei pescaresi saprà dare una risposta concreta a favore di chi è meno fortunato”.