Informazioni

Come fare per partire con l’Unitalsi

Per partecipare ad un nostro pellegrinaggio è necessario contattare la sezione o sottosezione da cui si desidera partire come volontario, pellegrino o ammalato. La partecipazione prevede il pagamento di una quota associativa di 20 euro che dà diritto a partecipare a tutte le attività associative. Per maggior dettagli, consulta la sezione Norme e Condizioni.

Come diventare volontario

I volontari sono la nostra risorsa più importante. Essere volontario significa dedicarsi gratuitamente, amorevolmente e responsabilmente ai malati, ai bambini in difficoltà, agli anziani soli. Per iniziare a vivere l’esperienza unitalsiana è necessario contattare la sede della sottosezione più vicina.

Generalmente è partendo con un nostro pellegrinaggio che si entra nello spirito di carità e fraternità unitalsiano e, successivamente, ci si può impegnare nelle attività locali come: il Progetto Solitudine, accanto a chi è solo e ha bisogno di compagnia; il servizio di trasporto per coloro che hanno difficoltà a camminare e devono necessariamente spostarsi per visite mediche, controlli, terapie; nelle ludoteche con i più piccoli.

Poi, nelle città di Roma, Genova, Firenze e Bari è possibile dare un forte contributo per il Progetto Bambini, nelle case d’accoglienza, per il trasporto, per le visite mediche, giocando nelle ludoteche degli ospedali con bambini e per il semplice ascolto delle famiglie.

Assistenza tecnica e religiosa

Chi sceglie l’Unitalsi può contare su una puntuale assistenza tecnica e religiosa, per vivere al meglio ogni istante del pellegrinaggio. I volontari Unitalsi garantiranno un puntuale servizio per rendere confortevole il vostro viaggio. L’assistenza religiosa del pellegrinaggio è affidata a Vescovi, Sacerdoti e Animatori Pastorali che vi offriranno interessanti spunti di meditazione per vivere il pellegrinaggio quale straordinaria esperienza di vita e di fede.

Mezzi di Trasporto

  • Aereo: L’Unitalsi utilizza i servizi di primarie compagnie aeree, con possibilità di partenza da tutti gli aeroporti italiani.
  • Treno: Il trasporto ferroviario è svolto si carrozze Trenitalia. Per i pellegrinaggi a Lourdes, l’Unitalsi prevede la sistemazione in carrozze cuccette, oltre che in posti ordinari. Agli ammalati con maggiori difficoltà è riservata la carrozza “barellata”.
  • Nave: Alcuni pellegrinaggi prevedono anche l’utilizzo di navi, con partenza da Civitavecchia e dai porti della Sardegna.