Locorotondo: realizzata una piscina sopraelevata grazie alla BCC

Dal 2012 come UNITALSI, abbiamo sempre, durante l’estate, proposto esperienze di colonie e/ o centri estivi per giovani diversamente abili e anziani presso lidi attrezzati della costa adriatica come esperienza di inclusione sociale con volontari e ragazzi delle parrocchie di Locorotondo.

Da qualche anno, tuttavia, la complessità delle patologie degli ospiti che vivono presso “La CASA delle Abilità Speciali Giovanni Paolo II” aveva interrogato il Consiglio direttivo sulla opportunità di creare uno spazio specifico adeguato a dare risposte significative ai bisogni riabilitativi degli abitanti del nostro centro diurno.

Ecco, perché , è nata l’idea, agli inizi di questa estate 2022, di realizzare una piscina sopraelevata sul terrazzo de “La CASA delle Abilità Speciali Giovanni Paolo II”, che è stata poi arricchita da un rivestimento ligneo, realizzato su misura, con una pedana che consente l’accesso in acqua anche di persone che deambulano in carrozzina, e grazie, al generoso contributo della Banca di Credito Cooperativo di Locorotondo, si è riusciti a costruire a tempi di record uno spazio innovativo dal punto di vista sociale che, grazie alla professionalità e alla formazione degli operatori del nostro centro, sta permettendo di vivere una esperienza unica nel suo genere a tutti gli ospiti della CASA.

Il Centro diurno si arricchisce, così, di uno spazio essenziale per la pratica sportiva rivolta alla disabilità ma soprattutto diventa un centro sempre di maggior eccellenza sociale in quanto lo scopo è anche quello di avvicinare ragazzi normodotati al mondo della disabilità per abbattere, sempre di più, le barrire mentali della diversità.

La BCC di Locorotondo, grazie a questo contribuito, riteniamo che abbia sposato uno dei nostri progetti più all’avanguardia in questo settore, divenendo “La CASA delle Abilità Speciali Giovanni Paolo II” una struttura unica nel suo genere che non si pone solo come luogo di assistenza socio sanitaria ma soprattutto, ancora una volta, come luogo di sperimentazione sociale e scientifica e di integrazione culturale. L’esperienza di servizio unitalsiana resta quel valore aggiunto che è alla base del nostro operato e che ci distingue, speriamo ancora a lungo, nell’approccio alla persona.

Ilario Smaltino – Presidente de “La CASA delle Abilità Speciali Giovanni Paolo II”