Al Salus la visita del Delegato apostolico e nuovo Rettore di Lourdes

Mons Herouard: “Grazie Unitalsi, verrò ancora a trovarvi”

(LOURDES) – “Ho sempre visto la struttura del Salus dall’esterno e oggi ne prendo visione della sua accoglienza verso i fratelli più bisognosi”. Sono state le prime parole che Monsignor Antoine Herouard, Vescovo ausiliare di Lille e nominato recentemente da Papa Francesco delegato apostolico del Santuario di Lourdes, ha pronunciato entrando ieri sera nella struttura unitalsiana.  Con lui anche Monsignor Olivier Ribadeu, nuovo rettore del Santuario. Ad accoglierli Monsignor Pierantonio Tremolada Vescovo di Brescia, Rocco Palese vicepresidente nazionale Unitalsi, Monsignor Giovanni Frigerio assistente Unitalsi Lourdes, Emanuele Boero direttore delle strutture Unitalsi Lourdes. Nella hall Monsignor Oliver e Monsignor Antonie sono stati salutati anche dalla presidenza regionale lombarda composta da Vittore De Carli, Graziella Moschino e dai presidenti delle sottosezioni presenti al pellegrinaggio.

La sezione lombarda ha voluto donare come segno augurante per la nuova missione pastorale, l’opera in seta raffigurante la Madonna di Lourdes datata 1958 e realizzata con 36 fili di seta diversa.  La visita guidata e coordinata da Emanuele Boero ha ripercorso la storia del Salus, a cominciare dall’acquisto di questa struttura negli anni settanta, che si verificò dopo che la famiglia proprietaria al ritorno da un pellegrinaggio in Terra Santa aveva desiderato che questa struttura diventasse una casa per accogliere i sofferenti. In segreteria viene ancora conservata una pietra di quel viaggio nel quale si evince Ex Tumuli lafidibus Lazzari. Particolare attenzione ha richiamato la visita alla Cappella posta al sesto piano con il suo tabernacolo a forma di mondo e i 3 angeli che l’abbracciano. Molti, visitandola, rimangono colpiti da quel Crocifisso che richiama la pesca miracolosa.  Durante la spiegazione a Monsignor Antoine su quando fu realizzata questa struttura, i suoi occhi si sono illuminati alla pronuncia della parola di Monsignor Alessandro Plotti che fu ultimo presidente ecclesiastico della nostra associazione. Monsignor Antoine ha dei ricordi personali costruiti nel tempo con Monsignor Plotti e ci ha detto “Tanti anni fa una sua parrocchia di Parigi si gemellò con la parrocchia di Alto Pascio in Toscana appartenente alla diocesi di Pisa di cui Monsignor Plotti era vescovo. Ogni anno c’era uno scambio culturale con queste parrocchie”. In uno di questi viaggi fu ricevuto, lui ancora sacerdote, da Monsignor Plotti che lo ospitò nel vescovado dell’arcidiocesi di Pisa.

Da lì nacque un’amicizia che vide l’attuale delegato apostolico essere più volte ospite di SE  . Monsignor Plotti nella casa paterna di Moltrasio sul lago di Como dove da qualche settimana la salma del Vescovo Sandro riposa nella chiesa parrocchiale. La sua visita non poteva terminare senza una benedizione ai malati presenti in refettorio. A loro ha portato il suo conforto e la sua benedizione salutandoli personalmente a uno a uno nei tavoli dove stavano cenando. Si è congedato con un “grazie Unitalsi , verrò ancora a trovarvi”. Nel congedarsi, a ricordo della serata, il vicepresidente Rocco Palese ha consegnato loro 2 sculture raffiguranti Bernardette realizzate da presidenza nazionale in occasione del recente pellegrinaggio a Lourdes.