Grazie…voi siete gioia e speranza


Si è appena concluso il pellegrinaggio della gioia organizzato dalla sezione Romana Laziale a Loreto. Mentre ritornava casa con il proprio figlio una mamma ha voluto rivolgere un messaggio a quanti hanno partecipato, ma soprattutto all’Unitalsi e ai nostri volontari

Volevo ringraziarvi per averci proposto questa esperienza ricca di emozioni a Loreto. Nonostante le titubanze nell’affrontare una nuova circostanza completamente diversa per Federico, e la paura di non poter gestire una reazione spiacevole, che un bambino con autismo potrebbe avere, di fronte ad ogni situazione nuova.
ci siamo trovati veramente bene; la vostra accoglienza e il vostro impegno ci ha stupiti e fatti sentire più che a casa. 
Il nostro cuore tornerà a casa più ricco di gioia, i nostri occhi più poveri di lacrime.
Ma abbiamo imparato che esistono situazioni molto più difficili e tristi delle nostre. 
Abbiamo imparato che nonostante i media ogni giorno ci parlino soltanto di delinquenza, droga, furti, prostituzione, omicidi, pedofilia; esistono invece delle realtà in cui i giovani nel loro silenzio compiono grandi opere di bene che nascono spontaneamente dal loro cuore senza alcun tornaconto , ma solo per la voglia di aiutare chi ha bisogno.
E ci fa piacere che molti tra questi siano giovani. Dovrebbero essere loro i protagonisti delle prime pagine dei giornali, o dei primi articoli dei telegiornali delle 20.
Questi ragazzi sono degli eroi, fanno sorridere anche chi é senza speranza, anche chi sa di dover affrontare un triste destino.
Grazie per tutto quello che ho scoperto di voi. E grazie per ciò che fate, in silenzio.