A San Pietro non si ferma il servizio alle docce per i poveri

Una piccola task-force di sorelle dell’Unitalsi, “rispettando sempre le disposizioni del Governo”,
sta da settimane continuando il proprio servizio presso le docce aperte da Papa Francesco per le persone fragili in Vaticano, sotto il colonnato di piazza San Pietro il lunedì, il giovedì e il venerdì.
A  guidarle è Gianna Di Giallorenzo che instancabilmente si sta prodigando per aiutare i tanti senza tetto che orbitano nella zona di San Pietro. “In questo periodo – spiega Gianna Di Giallorenzo – stiamo facendo dei veri propri miracoli per coprire i turni, ma la carità soprattutto in questi momenti non si può fermare. Ci alterniamo con altre associazioni che come noi hanno deciso di non abbandonare i più fragili. In questi ultimi giorni alcune di noi, che sono di Ostia, Acilia e del litorale romano, si stanno muovendo di meno, ma danno sempre un loro contributo fattivo. Lo consideriamo ogni giorno un nostro pellegrinaggio verso chi soffre ed è solo“.
Queste nostre sorelle – sottolinea Preziosa Terrinoni, presidente della Sezione Romana – laziale dell’Unitalsisono un vero e proprio esempio di come la carità sia senza confini e rappresentano anche in pieno lo spirito della nostra associazione, ‘con la gente e tra la gente’, soprattutto se più fragile“.