UNITALSI: LOURDES, IL NOSTRO 11 FEBBRAIO

Messa Internazionale: Lourdes, il nostro sollievo e la nostra speranza
Il Segretario di Stato Pietro Parolin ha presieduto la Messa Internazionale nella Basilica sotterranea di San Pio X. Circa 10mila i partecipanti che hanno affollato la Basilica come da tempo non si vedeva, segno che Lourdes è sempre più meta preferita tra i pellegrinaggi, come conferma anche un recente studio pubblicato dal santuario francese sull’affluenza dei pellegrini in Francia.

“La 25^ giornata mondiale del malato, istituita da Giovanni Paolo II nel 1992, è una celebrazione, è una grazia, per ricordare i tanti malati pellegrini e per cantare le lodi di Maria. Rendiamo grazie a Dio – ha detto nell’omelia il Cardinale Parolin – per chi qui trova sollievo e speranza. Pensiamo a chi beneficia della tenerezza di Dio attraverso le opere di misericordia. E come sottolinea il Papa: questa giornata offre attenzione speciale ai malati e ai sofferenti ed è occasione per esprimere vicinanza e preghiera a medici, infermieri e volontari impegnati per i malati”.
“Il Papa – ha aggiunto il porporato – ci invita a stupirci per ciò che compie il Signore. Il Vangelo ci aiuta a vincere le battaglie contro le paure che il tempo della malattia e il pensiero della morte generano in noi. Dio non ci chiede di essere supereroi, Dio ci chiede di dargli credito, di fidarci di lui, ci esorta a non aver paura perché si fa vicino a noi. Siamo importanti per Lui, è con noi che Lui condivide la sua vita. Lui è con noi.
E’ una assunzione di responsabilità. I credenti rispondono: siamo con te. Questo dialogo impedisce alla paura di trovare terreno fertile. Maria ci si spinge a questo dialogo avendolo sperimentato.”

L’Assistente: quanta emozione nel vedere tanti unitalsiani
A Lourdes per accompagnare il pellegrinaggio, l’Assistente Nazionale Monsignor Luigi Bressan visibilmente emozionato e felice di dare un messaggio a tutti gli unitalsiani, anche a chi è rimasto a casa, nel giorno dell’anniversario della prima apparizione della Vergine. ’Il messaggio di Maria – ha sottolineato Bressan – passa attraverso Santa Bernadette aiutando tutti noi a saperci convertire costantemente e rinnovare la nostra vita. Devo dire che mi sono emozionato oggi a vedere tanti, tanti unitalsiani presenti e provenienti da tutta l’Italia".

Il Presidente: la nostra associazione è viva ed il cuore del pellegrinaggio deve battere forte

"L’11 febbraio è una grandissima occasione per dire che la nostra associazione è viva e che il suo cuore è qui a Lourdes: il cuore del pellegrinaggio deve continuare a battere forte. Questo è il primo pellegrinaggio di una stagione particolarmente importante per l’Associazione. Dobbiamo venire in pellegrinaggio, per i malati, per gli ultimi e per quelli che hanno più bisogno, dando le nostre energie, il nostro cuore e il nostro affetto per l’Associazione". È quanto ha affermato il Presidente Nazionale, Antonio Diella, con la consapevolezza che il pellegrinaggio sia il cardine del nostro essere unitalsiani.

In questa giornata in tutte le Chiese d’Italia si è pregato seguendo la Preghiera per la XXV Giornata Mondiale del Malato 2017. Ne facciamo nostre alcune invocazioni quasi a creare un ponte tra Lourdes e le nostre case: un ponte sul quale l’unico cammino possibile sia quello dell’Amore.

Vergine e Madre Maria, a noi, che fiduciosi invochiamo il Tuo nome, volgi il tuo sguardo benigno.
Piccola serva del Padre, donaci lo stupore per le grandi cose compiute dall’Onnipotente.
Madre di tutti che comprendi le nostre pene, intercedi per noi la forza di Dio e accompagnaci nel cammino della vita.
Nostra Signora della premura, apri il nostro cuore alla misericordia e benedici le mani di quanti toccano le carni sofferenti di Cristo.
Vergine Immacolata, come una vera madre cammina con noi, combatti con noi, e dona a tutti gli ammalati che fiduciosi ricorrono a te di sentire la vicinanza dell’amore di Dio.