Unitalsi, 2 novembre: il ricordo di chi è sempre in cammino con noi

Oggi, 2 novembre 2020, il ricordo è affidato alle parole del nostro presidente nazionale Antonio Diella.
Ogni anno il giorno della Commemorazione dei defunti ci spinge con forza a ricordare e pregare per i nostri familiari, amici e compagni di strada che ci hanno lasciato.

Quest’anno, in un tempo in cui la pandemia da Covid 19 ha portato e sta portando tanta  sofferenza e tanti lutti in tutta Italia e in special modo in alcune regioni del Nord Italia, il nostro ricordo affettuoso e la nostra preghiera si riempiono dei volti di tanti nostri soci, barellieri, sorelle, medici e infermieri, ammalati, sacerdoti che in questi mesi si sono ammalati e sono saliti al Cielo, spesso da soli, senza il conforto dei sacramenti e senza la vicinanza dei familiari e degli amici.

Ci piace immaginarli tutti insieme, stretti nella stessa amicizia associativa e nella stessa fede che ha dato gioia alla loro vita per tanti anni, “aggrappati”, come Bernadetta, alla roccia di quella Grotta che hanno tanto amato, rapiti dal sorriso della Vergine, pronti ad accoglierci in una condivisa tenerezza di amore quando ritorneremo a Lourdes, e con loro i tanti amici che in questi lunghi anni di vita unitalsiana sono entrati nell’Eternità; li sentiamo tutti presenti ancora e per sempre nelle nostre sottosezioni, nei nostri impegni di carità, nei nostri momenti di difficoltà e di sfiducia, a ricordarci che la vita, anche dopo la morte, continua ad essere la presenza viva e vera dell’Amore e di chi lo ha vissuto nella storia e nel cuore di chi prosegue il cammino, nell’attesa dell’incontro definitivo con il Signore del tempo e della gioia”.