“IncontrArti” per guardare oltre la fragilità

Nuovo progetto per creare cultura e inclusione facendo emergere 190 giovani talenti

Con il sostegno del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali l’Unitalsi ha avviato il progetto “IncontrArti” la cui idea fa riferimento all’art. 30 della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità che riguarda la partecipazione alla vita culturale e ricreativa, agli svaghi ed allo sport con lo scopo di renderlo effettivo.

I destinatari del progetto sono 190 (10 per ogni Sezione), da scegliersi tra soci disabili e i giovani volontari: ad unirli un percorso di formazione artistica curata da professionisti nell’ambito della musica e della danza per facilitare e favorire la comunicazione, la relazione, l’apprendimento, la motricità, l’espressività, l’organizzazione e altri aspetti, anche terapeutici, rilevanti al fine di soddisfare necessità fisiche, emozionali, psicologiche, sociali e cognitive di ogni partecipante.

Con questo progetto l’Unitalsi si rivolge ai propri soci disabili – ha spiegato Cosimo Cilli, responsabile del Settore progetti dell’Associazione – incoraggiandoli non solo a sviluppare le loro abilità attraverso le attività che andranno a svolgere, ma anche a creare processi di socializzazione e di condivisione, per un fattivo contrasto delle condizioni di fragilità e di svantaggio sperimentando per la prima volta la formazione artistica. I destinatari del progetto – ha sottolineato Cilli – sono, inoltre, i giovani volontari della nostra Associazione che in sinergia con le persone disabili devono contribuire a rafforzare il processo di inclusione e diventare portatori della cultura del volontariato nei giovani non solo unitalsiani”.

In questo contesto la formazione artistica, attraverso la DanceAbility e la musicoterapia, ha l’obiettivo di favorire la comunicazione attraverso il linguaggio non verbale, esprimere le proprie emozioni, condividere i propri sentimenti e stati d’animo, ma anche sviluppare gli aspetti sociali della persona e favorire la coesione sociale. Il tutto in un percorso di ricerca comune nel pieno rispetto delle differenze rendendo il linguaggio della danza e della musica accessibili a tutti, senza preclusione di età, di esperienza o di condizione fisica e mentale.

L’obiettivo del progetto è quello di raggiungere le persone con disabilità che hanno poche possibilità di socializzare e incoraggiarli ad intraprendere un percorso che porti ad uscire dall’isolamento. I volontari che accompagneranno le persone con disabilità in questa esperienza si troveranno a loro volta ad affrontare un cambio di paradigma in cui la persona con disabilità offre un punto di vista diverso per vivere la vita. Il progetto “IncontrArti” prevede la partecipazione per ogni Sezione di 5 giovani con disabilità e 5 volontari normodotati che saranno fruitori del progetto e avranno il compito di accompagnatori.

Vista la situazione di emergenza al momento non è possibile incominciare la formazione artistica. Attraverso il programma televisivo “Passi di Speranza” l’Associazione ha pensato di dare vita ad un “casting” grazie al quale i partecipanti hanno la possibilità di mostrare i loro talenti in attesa di incominciare il progetto.

Scarica il pieghevole

Guarda il video di presentazione del Progetto: