A Siracusa per l’Unitalsi un dono grande: CASA AQUERÓ

Durante il pellegrinaggio Nazionale al Santuario delle Lacrime l’inaugurazione di una nuova struttura, Casa Aqueró, donata all’Unitalsi per essere ancora di più famiglia e luogo di accoglienza.

Oggi, sabato 12 novembre, Mons. Lomanto, Arcivescovo di Siracusa, ha celebrato la Messa presso il Santuario della Basilica di Santa Lucia al Sepolcro.


Nella sua omelia ha spiegato il senso del pellegrinaggio: “Mettersi in cammino alla riscoperta di sé stessi” per riprendere la propria vita”. Si è soffermato sulla figura della Madonna e di Santa Lucia, esempi di come si possa incarnare le beatitudini come programma di vita e ha augurato alla nostra Associazione di averle sempre come riferimento e guida.

Subito dopo la celebrazione  l’Unitalsi ha vissuto un momento speciale: l’inaugurazione di “Casa Aquerò-Malati d’Amore”.

Una casa donata all’associazione da una donna speciale, unitalsiana. Una casa di accoglienza e di gioia per tutti i nostri soci con disabilità appartenenti alla sottosezione di Siracusa, seme di speranza a servizio della comunità siracusana.

L’inaugurazione é avvenuta alla presenza dell’Arcivescovo Lomanto, del Presidente nazionale dell’Unitalsi, Rocco Palese, dai vice presidenti Cosimo Cilli e Sabatino Di Serafino, dal presidente della Sezione Sicilia Orientale, Gabriele Burgio, e dal presidente della sottosezione di Siracusa, Fabio Chimirri.

Su una delle pareti della casa spicca una scritta che racchiude il senso di questa opera di carità associativa, una delle tante, che l’Unitalsi ha fatto nascere e continua a gestire su tutto il territorio italiano.
In questa casa
siamo sinceri
ci divertiamo 
facciamo errori
chiediamo scusa
diamo seconde opportunità 
perdoniamo
siamo pazienti
ci abbracciamo
ci amiamo
siamo una famiglia