A LOURDES PER IL PELLEGRINAGGIO NAZIONALE

Diella (Pres Nazionale): “A Lourdes per ricostruire un nuovo cammino senza paura e senza solitudine” 
Partirà lunedì 27 settembre e terminerà sabato 2 ottobre con i primi aerei dall’Italia e diretti in Francia, il pellegrinaggio nazionale Unitalsi a Lourdes dopo il lockdown per la pandemia. Il pellegrinaggio si svolgerà solamente con aerei e pullman senza l’utilizzo dei tradizionali treni bianchi per via delle ormai note restrizioni anti-Covid.
Sarà un pellegrinaggio della rinascita, del riscoprire il senso di comunità e dello stare insieme. A Lourdes sarà nuovamente presente una rappresentanza delle regioni sezionali dell’Unitalsi che coinvolgerà nella cittadina francese circa 1500 pellegrini che partiranno dall’Italia con 7 aerei e 4 pullman.
“Torniamo a Lourdes, anche come pellegrinaggio nazionale dopo aver vissuto in questi ultimi mesi la ripresa dei nostri pellegrinaggi regionali – ha detto Antonio Diella, Presidente Nazionale Unitalsi – sentiamo dentro di noi il desiderio di riposare il cuore, di poter guardare al futuro con maggiore speranza; sentiamo che la grande sofferenza di questi lunghi mesi di pandemia ha ferito la nostra vita e la nostra storia. Vivremo questo pellegrinaggio nazionale per guarire questa ferita, Lourdes è ancora e sempre il luogo della nostra guarigione, il luogo dove incontrare una Madre che ti faccia sentire accompagnato in ogni istante. Vivremo questo pellegrinaggio – ha concluso Diella – nella reciproca promessa di ricostruire un cammino di comunione che non sia inquinato dalla paura; vivremo questo pellegrinaggio con la consapevolezza che questo è il cuore dell’Unitalsi: tutti insieme, con il cuore rivolto a Gesù, Signore della vita, e a Maria, la donna rivestita di sole, perché nel Suo volto trasparente di bellezzasi possa tornare a scorgere lo sguardo innamorato di Dio verso ciascuno di noi”.
 
Il pensiero del presidente nazionale è sottolineato anche dall’assistente ecclesiastico nazionale e Arcivescovo emerito della Diocesi di Trento SE Monsignor Luigi Bressan: “E’ un immensa gioia ritrovarsi a Lourdes per un pellegrinaggio nazionale e sarà più fervida la nostra preghiera per l’Italia e il mondo. Con un popolo in cammino sotto la protezione di Maria Santissima”.

Diversi e numerosi gli incontri previsti dagli organizzatori per questa edizione: dal momento penitenziale “Sulle orme di Cristo” alla presenza della Reliquia Titulus Crucis, alle meditazioni del Percorso dell’Immacolata, ai Passi di Bernadette, alla veglia notturna alla Grotta con i giovani volontari, ai convegni, fino ad arrivare ad un momento di festa, “Insieme nella gioia”, una serata speciale, da vivere in allegria in compagnia dell’amico e comico Uccio De Santis. A concludere il pellegrinaggio la tradizione la processione serale Aux Flambeaux, illuminata dalla luce delle fiaccole.